FIORDILATTE

FIORDIFESTA
04 Agosto / Agerola (NA)

FIORDILATTE FIORDIFESTA


Ricordate i viaggi in Campania quando non si tornava a casa se non prima di essere passati a fare incetta di mozzarelle?
La macchina stracolma e quell’odore inebriante che vi accompagnava fino alla porta.
Così succederà ad Agerola, piccolo comune di Napoli, nei giorni del suo baccanale dedicato al fiordilatte, uno dei formaggi più famosi al mondo.
C’è una disputa tra i caseifici campani, c’è chi sostiene che la mozzarella sia solo di bufala e porta avanti la lotta tra la tipologia battipagliese-ebolitana e la tipologia casertana, e chi sostiene che la particolare conformazione dei Monti Lattari dia al latte, e di conseguenza al fior di latte di Agerola, una speciale sapidità e consistenza che lo rende migliore anche della mozzarella di bufala.
Non vogliamo entrare nella disputa, ogni tipo di mozzarella, l’oro bianco campano, ha i propri estimatori che addurranno motivazioni più o meno valide rispetto alle loro scelte.
Ad Agerola il fiordilatte si ottiene dalla lavorazione del latte vaccino e si consuma freschissimo.
Non manca di certo il folkore in questi giorni di festa, che si svolge in concomitanza delle celebrazioni per Sant’Antonio Abate, patrono del paese.

Curiosità

Il gusto del fiordilatte di Agerola è sicuramente quello Ausano: folklore, tradizione e storia verranno subito percepite al primo assaggio.
Ha forma sferoidale, leggermente schiacciata, pasta piuttosto compatta. Il peso è variabile, con un massimo di circa 500 grammi.
Provatelo “a crudo”, in “carrozza” e ovviamente sulla pizza. È infatti uno degli ingredienti principali della tradizionale pizza napoletana.
Sui Monti Lattari, ad Agerola, il fiordilatte viene realizzato grazie all’aggiunta di una quota di latte bovino di razza agerolese, che gli conferisce forza e struttura.
E per concludere le vostre abbuffate luculliane?  Versatevi un bicchiere di Ramazzotti, l’amaro che ha alla base una miscela di 33 erbe e spezie, tenuta segreta per oltre due secoli.

L’itinerario Agerolese

L’itinerario agerolese ha un sapore indimenticabile: si attiva immediatamente il sesto senso, quello delle tipicità di una terra che offre ancora oggi i prodotti genuini di una tradizione che diventa storia. Man mano che si sale verso i Monti Lattari alle pendici del quale si trova Agerola, ci si imbatte nel “Sentiero degli Dei” che offre panorami mozzafiato a contatto con la natura.
Lasciatevi inebriare dal profumo che è nell’aria: è il profumo del formaggio che qui è testimone di tradizioni frutto di una cultura popolare antichissima.